lunedì 25 ottobre 2010

APO_STROFE


Tutt’ora m’inebria d’incanto l’amor
mentr’echeggia l’estro d’artista.
Ch’oltre m’assista anch’ora quest’aura d’un
un’«arte tutt’alta», mentr’empio
nell’invidia d’ogn’incoscienza, anch’io
sull’arte dell’apostrofo m’ingegnerò.



________
Tutt’i contestatori a quest’oggi contesi per tutt’e due:
l’Aferesi (simil’elisione) ed il Troncamento, atti per gl’
ignoranti del segno paragrafematico.

8 commenti:

giardigno65 ha detto...

m'incanto

Ernest ha detto...

anch'io...

aitan ha detto...

m'è piaciut'oltemodo

Saamaya ha detto...

sTRONCAmenTO.

:-D

Lorenzo ha detto...

Ingegneria apostrofica.

dalloway66 ha detto...

l'apostrofo m'elide l'a l'e l'i l'o l'u...

(ho esagerato, lo so... eheheh...)
saluti

NostraDannus ha detto...

@giardigno65
Grazie, onnipresente artista :)

@Ernest
'-)

@aitan
m'emoziona assai 'l tu comp(l)imento :D

@Saamaya
Quest'è l'uomo

@ Lorenzo
DNA mut'abile d'un estro verso.

@Dalloway
Molto belle l'aiuole dei tuoi fiord'elisi ,*

Briciolanellatte ha detto...

Le tue vignette sono sempre bellissime