domenica 13 dicembre 2009

Ordinali con i Cardinali



Secondo Pio IX
il primo quarto
della decima
di un secondino
è uguale al sedicesimo
(di un settimino
come Ottavio)
rilegato con un quartino
in più in mezzo.



_______
Quanto è importante avere i numeri giusti al posto giusto nel momento giusto, nella vita?! Che poi pensandoci bene, più che della vita di un secondino, mi interessa la vita (seni, fianchi, ...) di una secondina: 90-60-90!

Rivedendo questi tre numeri (serie di Fibonazza, sich!) a questo punto nasce spontanea una domanda: se nell'immaginario maschile il topos della Bellezza femminile viene espresso con tre numeri 90-60-90 (in rapporto aureo tra di loro 2:3), esiste nell'immaginario femminile un altrettanto topos di Bellezza maschile espresso in numeri? E spero che non sia uno solo numero il valore di un uomo.
Ma qui non si sta parlando più del mondo matematico ma del Fisico.



C'è del vero nel risultato ottenuto nell'equazione riportata all'inizio del post? Qualcuno sa risolvere questo eccelso rompicacpo di MetaMateMatica senza perdere il lume della ragione? È 2:1 il risultato del valore del numero maschile: 2 donne per un uomo? La risposta è Phi (1:a=a:b)?!

7 commenti:

Saamaya ha detto...

ohni tanto dai i numeri..!

buona serata.

Lolita ha detto...

E che è,mamma mia...
mi metti in difficoltà...
sono numeri aureo,si fà per dire.
Caro N.d.mi darai una spiegazione,
Vorrei capire qualcosa anche io.
Un saluto da Lolita.

giardigno65 ha detto...

il risultato è che un numero primo vince anche arrivando ultimo ...

Ernest ha detto...

2 donne per un uomo si può fare... soluzione giusta ed equa
un saluto

lore ha detto...

ops....insegnavo matematica.....è grave?..spero di no visto che adesso uso gli algoritmi per creare le immagini dei miei slides..(o delle mie slides?).....per farmi perdonare ...un caffè e una fetta di torta possono bastare?...kissssssssssss

Anonimo ha detto...

Dato che in matematica non si può dividere per zero, il tuo 2=1 è un palese errore, visto che al primo passaggio della tua dimostrazione premetti l'uguaglianza tra a e b...a=b, per cui a-b=0 e 2(a-b)=0 dov'è la differenza? La matematica è una scienza esatta...sei te che hai sbagliato, saluti...ps: non si può divider per zero in certi campi numerici, la tua divisione che porta al 2=1 per'altro sbagliata, porterebbe un 2/0=1/0 che sono lo stesso numero: infinito.

NostraDannus ha detto...

Quindi se ho capito bene 2(a-b)=0 e a-b=0 per cui 0=0, ma poi mi dici che 2/0=1/0 sono lo stesso numero: infinito, perciò secondo te zero = infinito (0=∞) cioè il nulla è uguale a DIO.

Adoro i paradossi :)