domenica 5 dicembre 2010

SPLEEN E IL GATTO

Chat noir, mur blanc - Near Park Avenue, under Van Horne, Montreal

La gente è impazzita, è in lutto,
non crede più ai crisantemi
per il gatto nero che morirà domani.
    Ora... un uomo con carrozzina è in cerca del figlio.

Le massaie sono cariche di borse
curve, stanche con i piedi gonfi.
Lo hanno ammazzato loro il gatto.
Si sono sfrenate a colpi di calci varicosi.
L’amicizia ci sta allontanando,
non vibra come una volta
le corde non suonano più,
lo specchio si è spento.

Ho rivisto il gatto in giro!
Quanta gente vorrà ancora ammazzarlo?!
Alice non ritornerà più indietro, non ce la farà,
il Gatto Nero di tutti le attraverserà il cuore.

Non spierà dai cancelli lo scultore
che intaglia un ciocco di legno.
Lei lo sa, sbaglia lo sento,
ha le budelle piene di segatura,
sotto al ponte accanto alla tomba
del Gatto del Cheshire.
    Ora lei ricomincia a telefonarmi, non so se resisterò.

La mia cornetta vomita
sotto al garage dell’infermeria
e nei vagoni dei cruciverba.
Dentro il loden, freme
con la croce dei turni, ansima...
le ho leccato il suo umore.
L’etere ci sazia nei baci,
la lingua ingoia aborti in ogni sala parto
lontano dalla carrozzina del bimbo perso.

Il suo gatto mi mostra il pelo nero,
riccio, ma non perdo il vizio.
Ormai la conoscono tutti.
Ha paura delle scritte sui muri,
di se stessa nella stanza del “Servizio di notte”.
Piange per i tuffi acrobatici del fratello.
Il treno impaziente fischia rauco,
aspetta fuori le coincidenze
sotto il pilone che lambisce il cimitero.
Il gatto ormai dorme e il ponte crollerà.
    Ora la catena mi stringe il collo... nella carrozzina.

Il libro è in fasce, è prigioniero
dell’ingranaggio psicologico.
    Ma tanto nessuno si accorgerà di nulla.

4 commenti:

Setarossa ha detto...

come è triste. Vorrei che il gatto nero si accoccolasse sulle mie gambe per farsi accarezzare.

Briciolanellatte ha detto...

Bellissima atmosfera

giardigno65 ha detto...

i gatti sono professori di spleen !

dalloway66 ha detto...

hanno ammazzato il gatto... il gatto è vivo...

(beato lui che ha sette vite...)